PROGETTI

ILLUMINAZIONI + LA CAMERA DI ORFEO

Con il punteggio più alto nel merito delle candidature ricevute, framedivision si aggiudica il contributo del Bando Spazio ai Giovani 2017, promosso dall’Assessorato Sanità, Salute e Politiche sociali della Regione Autonoma Valle d’Aosta, per la realizzazione de LA CAMERA DI ORFEO e di ILLUMINAZIONI, iniziative inserite nel quadro del framedivisionJUNIORCLUB: serie di attività dedicate al cinema in particolare per i giovani del territorio Valdostano.

Il progetto è realizzato in collaborazione con: Cittadella dei Giovani di Aosta, il SerD e la Cooperativa noiegliAltri s.c.s.

ILLUMINAZIONI

il cinema all’aperto

a cura di framedivision

un programma di proiezioni e la selezione sono a cura di Alexine Dayné

Prosegue la felice collaborazione con Cittadella dei Giovani di Aosta che anche quest’anno investe nella formula del cinema all’aperto. Le serate di proiezioni copriranno un periodo che va da mercoledì 28 giugno a mercoledì 30 agosto, con cadenza indicativamente settimanale. In caso di pioggia e maltempo, le proiezioni saranno confermate e avranno luogo al Teatro della Cittadella dei Giovani di Aosta. La proiezione del 2 agosto è curata da Partecipare Conta in collaborazione con il CSV. Quest’anno è previsto anche un appuntamento territoriale con il cinema all’aperto che si svolgerà alla parrocchia di Sant’Eusebio al Villair di Quart alle ore 21.30 con il film “Un’estate in provenza”.

SETTE STORIE DI VITE LUMINOSE

Anche quest’anno la rassegna estiva prende il nome di “Illuminazioni: sette storie di vite luminose” e prenderà il via mercoledì 28 giugno nel cortile della Cittadella dei Giovani ad Aosta. Un programma di proiezioni (anteprime, film di qualità) selezionate ad hoc per far ragionare attorno a differenti temi (amicizia, amore, creatività, giovani, identità, autismo, fantasia, libertà, sogno, storia, gioco, fotografia e cinema) in collaborazione a soggetti attivi sul territorio. L’edizione di quest’anno si concentra su film esclusivamente contemporanei. Alcuni tra questi sono delle piccole perle del cinema (affermati nei grandi festival come il Sundance o Venezia) e per la prima volta, abbiamo la possibilità di vederli anche in Valle d’Aosta.
“Forse nessuno ha compreso la propria vita, nè sente di aver vissuto abbastanza.”

Qui di seguito il calendario

mercoledì 28 giugno

ore 20.30 piccolo aperitivo

partecipazione di Lo Pan Ner con presentazione dei loro prodotti

a seguire ore 21.30 – proiezione

Non lasciarmi di Mark Romanek. Con Carey Mulligan, Andrew Garfield, Keira Knightley. Usa, Gran Bretagna 2010, 103 min.

Kathy, Tommy e Ruth trascorrono l’infanzia nel collegio inglese di Hailsham, un luogo apparentemente idilliaco, dove scoprono un segreto angoscioso riguardante il loro futuro. Quando si avviano inesorabilmente al destino sconvolgente che li attende da adulti, essi devono anche confrontarsi con i profondi sentimenti di amore, gelosia e tradimento che rischiano di dilaniarli. Una storia commovente, struggente e densa di emozioni tratta dall’acclamato romanzo di Ishiguro.

mercoledì 5 luglio

ore 20.30 piccolo aperitivo

presentazione del progetto LaCameraDiOrfeo e partecipazione degli organizzatori e dei giovani presenti alla residenza

proiezione della performance live “PARLAMI” – esito dell’esperienza artistica svolta durante la residenza LaCameraDiOrfeo

a seguire ore 21.40

Sing Street di John Carney. Con Lucy Boynton, Maria Doyle Kennedy, Aidan Gillen. Irlanda 2016, 106 min.

Siamo negli anni ottanta e Conor vive a Dublino. E’ un adolescente e scrive canzoni. Per sfuggire dalle tensioni famigliari e scolastiche, il ragazzo forma una band anche per attirare la ragazza che gli piace… Rielaborando le proprie conoscenze sugli anni ottanta e la tradizione anglosassone del romanzo di formazione unita al musical, Carney compone un ensemble divertente ed intelligente.

mercoledì 12 luglio 

ore 20.30 piccolo aperitivo

presentazione di AVA – Associazione Valdostana Autismo, Cinemautismo, Lo Pan Ner con progetto Labeau

a seguire ore 21.30 – proiezione v.o. con sott. ita (anteprima valdostana)

Life, Animated di Roger Ross Williams. Usa 2016, 91 min.

A tre anni, Owen perde la capacità di contatto con il mondo. Dopo la diagnosi di autismo, il padre si accorge che c’è un modo di comunicare col piccolo, parlando il linguaggio dei personaggi dei film Disney. Il ragazzo utilizza i film d’animazione per dare un nome alle proprie emozioni. La storia raccontata nel libro omonimo dal Premio Pulitzer Ron Suskind si trasforma al cinema con una regia quasi invisibile, che lascia il posto alle bellissime animazioni di Mac Guff.

mercoledì 19 luglio

ore 20.30 piccolo aperitivo

ore 21.15 presentazione e concerto dei Tamtando con la partecipazione delle ragazze del corso di danza afro-brasiliana tenuto da Elisio Lucio Fernandes

a seguire ore 21.30 – proiezione v.o. con sott. vita (anteprima valdostana)

Appena apro gli occhi  – Canto per la libertà di Leyla Bouzid. Con Baya Medhaffer, Ghalia Benali, Montassar Ayari. Francia, Tunisia, 102 min.

Nella Tunisia del 2010, a pochi mesi dalla rivoluzione, Farah è una diciottenne che vuole vivere libera, scegliendo per se stessa. Canta in un gruppo dove racconta i problemi del suo paese, i sogni dei ragazzi, le ingiustizie. Sua madre si riconosce in lei ma non può fare a meno di preoccuparsi. Un film sulla relazione, quella tra Farah e la madre, fatta di riconoscimento e di conflitto, una relazione in cui la posta in gioco è la libertà, sineddoche famigliare di un tema più grande.

mercoledì 2 agosto (giardinetti della stazione di Aosta)

proiezione a cura di Partecipare Conta in collaborazione con CSV

ore 21.30 – proiezione

Microbo&Gasolina di Michel Gondry. Con Ange Dargent, Théophile Baquet, Diane Besnier, Audrey Tautou. Francia 2015, 103 min.

Microbo ha 14 anni, un talento per il disegno ed è introverso. L’incontro con Gasolina, che miscela fantasia e idrocarburi, cambia il suo modo di guardare il mondo. Microbo scopre un coraggio che non aveva mai sospettato, esponendo i suoi disegni in una galleria d’arte e abbandonando la provincia per l’avventura. Microbo et Gasolina è un racconto di formazione lungo un’estate e un road-movie artigianale e arioso.

venerdì 4 agosto (area territoriale – all’Abri, presso la Parrocchia di S.Eusebio al Villair di Quart)

ore 21.30 – proiezione

Un’estate in provenza di Rose Bosh. Con jean Reno e Anna Galiena. Francia 2014, 105 min.

Léa, Adrien e il fratellino Théo, parigini, vanno in vacanza dai nonni nella campagna provenzale. Paul è un olivicoltore rigido e burbero che, a causa di un vecchio conflitto familiare con la madre di questi, non ha mai conosciuto i suoi nipoti. Subito la vita del nonno si scontra con quella dei giovani che cercano ossessivamente la rete del cellulare, ma poi le differenze fra loro si annulleranno e le due generazioni potranno incontrarsi.

mercoledì 9 agosto

ore 20.30 piccolo aperitivo

a seguire ore 21.30 – proiezione

La grande partita di Edward Zwick. Con Tobey Maguire, Liev Schreiber, Peter Sarsgaard. Usa 2014, 115 min.

In piena Guerra fredda tra le due superpotenze nucleari, il ragazzo prodigio degli scacchi americano ma di origini russe Bobby Fischer affronta il grande match contro Boris Spassky, il suo più illustre rivale russo nel neutrale territorio islandese. La partita fa divenire la contesa come la conferma della supremazia di una potenza sull’altre accrescendo le fobie che riempiono la mente brillante ma labile del giovane Bobby…

mercoledì 30 agosto

ore 20.30 piccolo aperitivo

a seguire ore 21.30 – proiezione

Life di Anton Corbijn con Robert Pattinson, Dane DeHaan, Joel Edgerton. Gran Bretagna 2015, 111 min.

Il fotografo di Magnum, Dennis Stock, sogna la copertina su “Life”. Incontra James Dean e il volto desolato dell’attore che diventerà un mito, colpisce Dennis che propone a “Life” un servizio su di lui. Il rapporto è travagliato ma un viaggio nei luoghi in cui Jimmy è nato, appronta una bella amicizia, immortalata in un’unica fotografia. Corbijn afferra la luce postuma del processo di costruzione divistica, lavorando dentro una camera oscura e su un corpo sempre in campo.

LA CAMERA DI ORFEO

una residenza propedeutica, culturale, attiva.

a cura di framedivision

un’idea e un progetto di Alessio Zemoz
un’iniziativa a cura di Alexine Dayné
con il contributo particolare di Daniele Pierini, Loredana Iannizzi

con la partecipazione straordinaria di Andrea “Lòtzio” Carlotto

Una residenza di otto giorni dedicata alla formazione nel merito della cultura del cinema in tutte le sue forme: dai film alle serie tv, dal pensiero alla scrittura, dalla produzione alla fruizione. Un percorso propedeutico volto alla condivisione e al ragionamento attorno al linguaggio del cinema ed alla sua relazione con la contemporaneità.

Un’esperienza integrata di otto giorni in un contesto agrituristico con l’obiettivo di imparare tecniche di gestione del territorio legate al mondo dell’agricoltura. In particolare sperimenteremo la produzione autonoma e le pratiche di auto costruzione: fare l’orto, costruire il forno e fare il pane, fare il miele, produrre essenze o confetture.

LA CAMERA DI ORFEO in residenza ha come ambizione quella di attivare sul territorio regionale una modalità di azione educativa e culturale assieme,innovativa e sperimentale per rispondere direttamente all’esigenza di alimentare nei giovani condizioni di benessere, di crescita armoniosa e di auto realizzazione di sé: sviluppare un più libero atteggiamento sociale e culturale.

La residenza è gratuita e aperta a tutti e prevede il pernottamento e lo svolgimento delle attività per un numero massimo di otto giovani di età compresa tra i 18 e i 25 anni, con eventuali deroghe in virtù della peculiarità dei partner. Il periodo previsto è quello compreso tra il 18 e il 25 giugno 2017 e fa riferimento a strutture dedicate all’ambito agrituristico attive nella zona di Verrayes: Casa di Paglia b&b, Azienda Agricola Ambiente Grumei, La terra del pane – Forno di Montagna.

Il tema attorno al quale la residenza intende ragionare è di stretta attualità e fa particolare riferimento al concetto di isolamento, ispirati dal noto episodio sociale “hikikomori”: fenomeno diffuso in oriente che vede un grande numero di giovani ritirarsi dalla vita sociale, spesso cercando livelli estremi di confinamento. Attiveremo azioni capaci di intercettare la problematica portandola in superficie e renderla visibile attraverso la condivisione di ragionamenti ed esperienze attive in senso uguale e contrario: l’esperienza di gruppo, culturale e di azione sul territorio, come strumento di evoluzione propedeutica della persona.

Orfeo scese nell’Ade per riportare a casa la sua amata Euridice. Ciò gli fu concesso a patto che non si voltasse a guardare la sua amata. Tuttavia, egli non seppe resistere e poco prima della libertà si voltò e la guardò condannando entrambi per l’eternità. Questo mito ci ricorda che fermarci a guardare chi siamo, e ciò che amiamo, è un atto necessario per lo sviluppo della persona. Fermarci a guardare noi stessi genera conseguenze che portano alla crescita morale e spirituale. In questo senso, il cinema è strumento principe davanti al quale fermarsi e guardare.

il programma della residenza

gg 1 – 18 domenica

pomeriggio: accoglienza e sistemazione

sera: cena + attività cinema

gg 2 – 19 lunedì

mattino: facciamo il forno auto costruito

pomeriggio: facciamo il forno auto costruito

sera: cena auto prodotta + attività cinema

gg 3 – 20 martedì

mattino: facciamo il forno auto costruito

pomeriggio: facciamo il forno auto costruito

sera: cena auto prodotta + attività cinema

gg 4 – 21 mercoledì

mattino: facciamo l’essenza di lavanda

pomeriggio: facciamo il pane

sera: pizza + attività cinema

gg 5 – 22 giovedì

mattino: attività cinema

pomeriggio: attività cinema

sera: cena auto prodotta + attività cinema

gg 6 – 23 venerdì

mattino: facciamo il miele

pomeriggio: andiamo al mercatino (Coll. La Terra che Ride)

sera: riposo

gg 7 – 24 sabato

mattino: attività cinema

pomeriggio: attività cinema

sera: cena auto prodotta + attività cinema

gg 8 – 25 domenica

mattino: attività cinema

pomeriggio: fine lavori